Home Notizie Dove siamo Info Contatti
Fondazione Fantoni

  Rovetta

 

 

 

 

 

la Casa-museo

 

L’antica casa-bottega degli scultori Fantoni è situata nel centro storico di Rovetta, nell'alta Valle Seriana. Conserva un ricchissimo patrimonio di opere e di testimonianze artistiche e documentarie derivato dall’attività delle diverse generazioni di artisti della famiglia, che operarono con continuità per quasi quattro secoli, tra il XV e il XIX secolo.

 

Nella cornice degli antichi ambienti di vita e di lavoro della bottega sono presentate al pubblico opere, modelli, disegni e documenti che raccontano la storia della  famiglia degli scultori Fantoni e illustrano la loro produzione artistica tra Sei e Settecento.

la Bottega Fantoni

 

 

Ogni anno viene presentata una rassegna tematica >>di approfondimento che permette al pubblico di ammirare un numero sempre maggiore di esemplari e di meglio conoscere la produzione della bottega e la cultura artistica dei suoi esponenti. La visita della casa-museo e delle sue collezioni può essere completata con la visione di alcuni video tematici. Negli spazi esterni dell’edificio vengono allestite periodicamente esposizioni temporanee legate alla cultura locale nei suoi aspetti storici, artistici ed etnografici e l’ampio cortile interno ospita regolarmente nel periodo estivo concerti ed eventi culturali.

 

 

L'edificio presenta un severo fronte unitario su strada e una complessa articolazione  delle facciate sulla corte interna.

Dall'interno appare evidente la successione delle edificazioni e degli interventi, che a partire da un nucleo originario del tipo casa-torre del XIII-XIV secolo, hanno portato all'aggiunta di corpi nel XV e nel XVI secolo, fino a raggiungere la configurazione attuale, completata tra il XVIII e il XIX secolo.

Caratteristici dell'architettura locale sono i porticati aperti a sud lungo il cortile (corte), i locali con copertura a volta (sìlter) che vi affacciano e i loggiati ai piani superiori. Tipica anche la presenza del brolo, ampio spazio verde affacciato sul cortile, tenuto ad orto e frutteto.

 

I portoncini d'ingresso sulla via Fantoni e il portone carrabile sulla via Vittorio Veneto sono stati disegnati da Donato Andrea Fantoni intorno al 1785, nel corso di lavori di abbellimento che hanno interessato parti del complesso edilizio.

 


 

 

 

 

le Collezioni

 

Il patrimonio artistico della Fondazione Fantoni annovera disegni, opere in legno e in marmo, modelli in terracotta, legno e gesso e dipinti.

Deriva in prevalenza dalla produzione fantoniana del Seicento e del Settecento, che annovera un numero eccezionale di realizzazioni sacre e profane, diffuse nel territorio bergamasco e bresciano, con un repertorio che abbraccia praticamente ogni tipo di arredo religioso e di immagine devozionale e che arriva ad affrontare la grande scala architettonica con la progettazione e l'esecuzione di alcuni edifici chiesastici.

 

Nelle collezioni grafiche, oltre al corpus fantoniano, legato alla produzione della bottega di scultura (secc. XV - XIX), sono conservati fondi provenienti da altri ambienti artistici, entrati a scopo di aggiornamento nei repertori della bottega nel corso della sua attività e accresciuti in seguito per le ambizioni collezionistiche di alcuni esponenti della famiglia.

 

Nelle collezioni plastiche si contano in prevalenza modelli e opere elaborati dalle diverse generazioni di maestri Fantoni tra il secolo XVI e il XVIII.

 

Le raccolte artistiche annoverano inoltre una galleria di ritratti dei membri della famiglia Fantoni, una collezione di dipinti datati tra il XVI e il XVIII secolo e arredi d'epoca.

 

A queste raccolte si affianca un fondo, di prevalente interesse storico, costituito da un ricchissimo archivio storico che conserva memorie e documenti  relativi alle opere fantoniane e ai loro processi di produzione: libri mastri riguardanti l’attività e la gestione economica della bottega, contratti di lavoro, epistolari e notizie.  Il fondo archivistico è completato da una piccola biblioteca storica e da una raccolta di pergamene risalenti ai secoli tra il XIV e il XVIII riguardanti la storia locale.  

 

 

Collezioni grafiche

 

 

esposte a rotazione, in rassegne tematiche annuali.

 

 

 

Collezioni plastiche

 

esposte in permanenza 

 

 

Collezioni pittoriche

 

esposti in permanenza

 

 

in deposito e restauro

 

 

Fondi principali:

 

Fantoni

Caniana

Quarenghi

 

 

 

 

Modelli e opere fantoniani

 

 

 

 

Ritratti di membri della famiglia Fantoni

 

Collezione dipinti secc. XVI-XIX

 

 

 

 


 

 

 

la Bottega dei Fantoni

 

 

L'attività dei Fantoni di Rovetta come marangoni o magistri lignaminis è documentata dal secolo XV. Al Quattrocento appartiene  la prima personalità riconoscibile nella genealogia dei Fantoni operanti come intagliatori in legno. E' quel Bertulino de Fantonis, noto nella tradizione locale e riconosciuto dalla letteratura storica settecentesca come capostipite  dell'attività di famiglia.

Questa è successivamente documentata intorno al 1630 con l'opera di Andriano (1563-1633), che con i fratelli e il figlio Donato (1594-1664) evidenzia un repertorio e una frequenza di commissioni tali da far ritenere avviata una produzione di bottega.   

 

La struttura della bottega, col suo organico fisso di maestri e di operai specializzati, ha per i Fantoni uno schema strettamente famigliare e, di conseguenza, un andamento economico e produttivo dipendente dal numero più o meno ampio di consanguinei che vi partecipano.

 

Il figlio di Donato, Grazioso il Vecchio (1630-1693), grazie alla prole numerosissima e alle sue indiscutibili doti artistiche e imprenditoriali, produce lo sforzo decisivo per il decollo culturale e produttivo della bottega oltre i confini dell'area montana bergamasca e bresciana.

Verso il 1685 Grazioso può contare sulla collaborazione dei figli Andrea (1659-1734) e Donato (1662-1724), entrambi reduci da un periodo di apprendistato a Parma e, per il solo Andrea, a Edolo, presso Pietro Ramus. Ai primogeniti si affiancano progressivamente gli altri fratelli Giovan Antonio (1669-1748), Giovan Bettino (1672-1750) e Giovanni (1674-1745) e le sorelle Maria (?), Caterina (1666-1711) e Giovanna (1671-1748).

Nel 1680 sono compiuti gli armadi della prima sagrestia nella Basilica di Alzano Lombardo, cui farà seguito, a partire dal 1692, l'esecuzione degli intagli e della statuaria della seconda sagrestia sotto la direzione di Andrea e in collaborazione con la bottega di Giovan Battista Caniana.

Nel 1683 è commissionata la cantoria di Castione della Presolana. Negli stessi anni prendono avvio importanti lavori di allestimento di arredi liturgici in legno e in marmo per le chiese di Foresto Sparso, Zone, Rovetta e di innumerevoli altre località valligiane.   Alla produzione di arredi sacri si affianca una costante e altrettanto intensa realizzazione di arredi civili, testimoniata dai relativi disegni preparatori.

Pressocché l'intero complesso produttivo della bottega, costituito dalle opere, dai progetti grafici e dai modelli preparatori in legno o terracotta, è anonimo, a testimonianza della coesione e della capacità operativa dell'intero gruppo lavorativo. A governo del gruppo si staglia la figura del capobottega che assume il ruolo pubblico di artista unico e di regista dell'attività famigliare, assumendo su di sè anche il privilegio della memoria storica.

Con la gestione di Andrea i Fantoni ottengono importanti commissioni a Bergamo: il confessionale per il Duomo, oggi collocato in Santa Maria Maggiore (1704); la statuaria per l'altare della Pietà nel Duomo (1709-10) e l'altare del SS. Sacramento nella chiesa di S. Alessandro in Pignolo (1728-29). Numerosissimi gli incarichi in territorio bergamasco e bresciano, con realizzazioni di rilievo nelle parrocchiali di Rovetta, Clusone, Alzano, Foresto Sparso, Verrtova, Gandino, Solto, Cerveno, Lovere e Capriolo.  La bottega valica anche i confini locali e ottiene commissioni nelle chiese di Crema e nel milanese (per arredi privati) e invia opere a Parma, Venezia, Salò e Ancona.

 

I Fantoni si occupano saltuariamente anche di progettazione architettonica con Andrea, con suo fratello Giovan Bettino e poi con il figlio di questi Francesco Donato.

Andrea realizza il coronamento per il campanile di Rovetta (1699) e opera nell'edificazione delle nuove parrocchiali di Cerete Alto (1711-1725), di Premolo (prima del 1714), di Onore (1716-1721), di Pisogne (progetto dopo il 1714), di Dezzolo (1722-28) e di Azzone di Scalve (dal 1724) ed elabora progetti per la parrocchiale e per il santuario di Ardesio.

 

Con la morte di Andrea la bottega passa sotto la conduzione di Giovan Bettino, dei suoi fratelli Giovan Antonio, Giovanni e del nipote Grazioso il Giovane (1713-1798). E' un periodo di continuità nella produzione fantoniana che fa registrare la realizzazione degli altari maggiori per il Santuario della Madonna della torre in Sovere (1735-36), per le parrocchiali di Ranzanico (1736-1749), di Vilminore (1742) e di Vezza d'Oglio (1745). Importanti arredi liturgici sono commissionati alla bottega per le chiese di Dorga (1735), Adro e Ome (1736), Rovetta (1736 e 1747), Onore (1741 e 1749), Sorisole (1746) e Songavazzo (1747).

 

Alla morte di Giovan Bettino il ruolo di capo bottega è assunto dal suo secondogenito Francesco Donato (1726-1787) con il terzogenito Giuseppe Grazioso (1731-1781), in comunione con il cugino Grazioso il Giovane.  La gestione ufficialmente comunitaria richiede in realtà tre successivi contratti per determinare i rispettivi ruoli e la suddivisione degli interessi economici tra i cugini.  In questo periodo la bottega realizza una serie di importanti arredi per la chiesa di s. Giorgio ad Ardesio (1759-1763), per le parrocchiali di Clusone (1753), di Valcanale (1761), di Castione (1767), di Onore (1768), di Ogna e di Songavazzo (1772).  Nel 1750 esegue le storie già ideate da Andrea, intorno al 1711, per il pulpito di Alzano Lombardo. Nel 1760 realizza l'altare maggiore per il santuario della Madonna del Frassino a Oneta e nel 1763 partecipa all'esecuzione di tre cappelle del Santuario della Via Crucis a Cerveno.

 

L'ultimo atto della bottega si compie con Donato Andrea (1746-1817), figlio di Grazioso, che rientrato a Rovetta nel 1766 da un soggiorno quadriennale di studio a Roma, affianca il padre e poi gli subentra nella conduzione dell'attività, tentando ripetutamente, insieme al cugino Luigi (1759-1788), di superare i confini locali.

Cerca commissioni in territorio veneziano e milanese, dove tenta l'ingresso nel cantiere della Fabbrica del Duomo come maestro e come insegnante all'Accademia di Brera.  La produzione di bottega è ancora intensa su commissioni di carattere religioso per gli edifici di culto delle vallate bergamasco-bresciane. Vivace anche la produzione di arredi civili, tra i quali spicca l'alcova realizzata per il conte Gerolamo Sottocasa (1775), oggi presso il GAMEC di Bergamo.

Dopo la morte prematura di Luigi, l'attività di bottega procede stancamente e si conclude nei primi anni dell'Ottocento, che vedono Donato Andrea ormai prevalentemente impegnato come amministratore dei beni di possidenti locali.

 

 


 

 

Itinerari fantoniani abbinabili alla visita della Casa-museo Fantoni

 

tempo a disposizione: 1 ora

 

Rovetta

-Chiesa parrocchiale di Tutti i Santi

-Chiesa dei Disciplini

info:

Parrocchia di Tutti i Santi,  Rovetta piazza Ferrari, tel. 0346 72317

 

info:www.prolocorovetta.it

 

 

Cerete Alto 

-Chiesa Parrocchiale SS. Filippo e Giacomo

 

 

 

tempo a disposizione: 2/3 ore

 

Clusone

-Basilica S. Maria Assunta

-Chiesa dei Disciplini

-Chiesa del Paradiso

-Chiesa di S. Anna

 

info:www.turismoproclusone.it

 

 

Alzano Lombardo

-Basilica di S. Martino

-Le Sacrestie (Basilica di S. Martino)

 

 

 


 

 

16 giugno-16 settembre

 

Disegni di Giacomo Quarenghi

 

dalle raccolte della Fondazione Fantoni

 

Rassegna dedicata all'architetto bergamasco Giacomo Quarenghi a chiusura delle celebrazioni del bicentenario della morte (2018).

In mostra 49 disegni appartenenti alle collezioni della Fondazione Fantoni.

Sono progetti architettonici e vedute che compongono un panorama esauriente dei diversi settori toccati dall'attività del Quarenghi in patria e in terra russa e ben riflettono la sua formazione pittorica e le peculiari doti di disegnatore.

Catalogo della collezione in mostra.

 

 

 

4 incontri a tema per il 50° anniversario

 

della Fondazione Fantoni di Rovetta

 

In collaborazione con la Biblioteca di Rovetta

 

Rovetta, cortile Casa museo Fantoni, ingresso via Vittorio Veneto 2

 

14 luglio - ore 18.00

L. Rigon, I Fantoni a Bergamo

L'altare dell'Orazione in S. Alessandro della Croce

 

21 luglio - ore 21.00

L. Rigon, Giacomo Quarenghi nelle collezioni della Fondazione Fantoni

 

28 luglio - ore 21.00

P. Mazzucchelli, I vestiti della musica

Spettacolo teatrale-musicale

 

4 agosto - ore 18.00

S. Buzzetti, Vita quotidiana a Bergamo sotto la dominazione veneziana

 

Laboratori bambini 

Con la Biblioteca al Museo, per scoprire gli scultori Fantoni,

 

l laboratori si terranno nei giorni di sabato

4 - 11 - 18 agosto, dalle ore 15,00 alle ore 17,00.

Ci si iscrive:

presso le biblioteche dei comuni di Castione, Cerete, Clusone, Fino, Onore, Rovetta, Songavazzo, comune di Fino del Monte, pro Loco Clusone

compilando il modulo d'iscrizione http:/sites.google.com/view/museofantonibambini  

il biglietto si acquisterà poco prima dell'inizio dell'attività all'ingresso della Casa museo Fantoni in via Vittorio Veneto 2

 

 

VISITA e LABORATORIO DI SCULTURA BAMBINI

(max 15 partecipanti)

€ 7,00 per ogni partecipante al laboratorio

VISITA e LABORATORIO DI SCULTURA bambini + VISITA GUIDATA accompagnatori

ogni accompagnatore € 3,00 a testa (max 2 per bambino)

 

N.b.: per gli adulti accompagnatori visita guidata al museo di

ca.1ora, contemporanea al laboratorio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Home    Dove siamo  Info  Contatti